Donare il 5 per mille è un gesto fondamentale per aiutare cause umanitarie importanti. Scegli LILT Milano Monza Brianza per sostenere la lotta ai tumori.
Costume e società

Sostieni un progetto solidale, dona il tuo 5 per mille

Supportare un progetto solidale significa fare del bene e donare sorrisi a chi è meno fortunato di noi. Uno degli strumenti più validi e affidabili per fare beneficenza agli Enti non profit è il 5 per mille. Non temere di non essere all’altezza di questa donazione, perché è alla portata di tutti.

Per te sarà un contributo minimo, per le associazioni impegnate in cause umanitarie ha invece un valore prezioso.

Continua a leggere questo approfondimento e scopri come fare una donazione con il 5 per mille.

Che cos’è il 5 per mille

Il 5 per mille altro non è che lo 0,5% dell’IRPEF, ovvero dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, che tutti i contribuenti devono versare allo Stato. Si tratta di una quota, dunque, che in nessun caso spetterebbe al cittadino e che è possibile devolvere ad un’associazione non profit.

Questa forma speciale di donazione è stata introdotta con la Legge finanziaria del 2006, è stato poi confermato dalle successive e stabilizzato definitivamente nel 2014.

A chi destinare il 5 per mille per sostenere la lotta ai tumori

Tantissimi italiani hanno deciso di donare il 5 per mille per sostenere le associazioni impegnate sul fronte della lotta ai tumori. Scegliendo di donare il 5 per mille puoi divenire anche tu parte integrante di questa grande battaglia, investendo sul futuro della prevenzione, diagnosi e cura dei tumori.

Tra le associazioni più accreditate operanti in questo ambito c’è LILT Milano Monza Brianza, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, che da più di 70 anni lotta con tutte le armi possibili per un unico obiettivo: arrivare prima della malattia.

Fare una donazione 5 per mille a LILT Milano Monza Brianza (codice fiscale 80107930150) significa, quindi, rinforzare le attività di assistenza per i malati, la ricerca clinica e la rete di prevenzione sul territorio di Milano e Monza Brianza.

Proprio grazie ai contributi ottenuti per mezzo del 5 per mille negli anni sono stati realizzati importanti programmi di:

  • prevenzione primaria nelle scuole primarie del territorio;
  • assistenza personalizzata ai malati, affiancandoli in ospedale e a casa;
  • diagnosi precoce oncologica grazie all’implementazione di attrezzature all’avanguardia.

Chi può donare il 5 per mille e quali procedure vanno seguite

Possono donare il 5 per mille tutti coloro che fanno la dichiarazione dei redditi presentando i modelli Redditi (Ex Unico), Certificazione Unica e modello 730. Nel modello 730 e nella Certificazione Unica è presente una sezione dedicata proprio al 5 per 1000.

Per donare è sufficiente indicare il codice fiscale dell’Ente e apporre la propria firma. Se non inserisci il codice fiscale dell’Ente il contributo sarà diviso tra le associazioni che fanno parte della stessa categoria; se non apponi la tua firma, invece, il 5 per 1000 andrà allo Stato.

Quali scadenze vanno rispettate

Se si vuole devolvere il 5 per 1000 a un’organizzazione non profit bisogna stare attenti alle scadenze per la presentazione del modulo. Nello specifico:

  • Con la presentazione del Modello Certificazione Unica (ex CUD) si ha tempo fino al 16 marzo 2022.

Possono presentare la Certificazione Unica tutti i lavoratori dipendenti senza altri redditi e senza spese da detrarre. Dopo aver compilato il modello potrai inviarlo tramite un ufficio postale o tramite intermediari abilitati (CAF o commercialista);

  • Con la presentazione del Modello 730 si ha tempo fino al 30 settembre 2022.

Possono presentare il Modello 730 i pensionati e i lavoratori dipendenti con altri redditi o spese da detrarre. Il 730 può essere presentato per via telematica o tramite intermediari abilitati (CAF o commercialista);

  • Con la presentazione del Modello Redditi (ex Unico) si ha tempo fino al 30 novembre 2022.

Possono presentare il modello Redditi Persone fisiche (ex Unico) i lavoratori autonomi, i titolari di Partita Iva, i professionisti o i possessori di redditi particolari. Il modello Redditi può essere presentato per via telematica o tramite intermediari abilitati.

Come donare in assenza della dichiarazione dei redditi

Anche chi non presenta la dichiarazione dei redditi ma riceve il modello CU dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico può donare il 5 per 1000.

In tal caso si dovrà:

  • scaricare il modulo unico dal sito dell’Agenzia delle Entrate o utilizzare il modulo fornito dal datore di lavoro, compilando la sezione dedicata alla scelta della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’IRPEF;
  • consegnarla in busta chiusa allo sportello di un ufficio postale (che ti rilascerà gratuitamente una ricevuta), a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.) o direttamente con i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.